Virbac Italia - Per i Medici Veterinari
Articoli

Le caratteristiche dei tumori mammari nel gatto

2020/07/02

Risultato 5 (1 Voti)

È stato riportato che i tumori della ghiandola mammaria rappresentano il 17% di tutti i tumori del gatto; queste neoplasie sono maligne in una percentuale compresa tra l’80 e il 96%5,6,8

Quasi l’80% dei tumori maligni è rappresentato da adenocarcinomi, il 10% di questi sono carcinomi in situ2,11. Il rischio di sviluppare neoplasie mammarie è maggiore nei gatti sottoposti a terapia progestinica a lungo termine1,9, mentre è minore nelle gatte sterilizzate prima di 1 anno di età12. L’età media di presentazione va da 10 a 12 anni6,7; il principale sintomo di neoplasia mammaria è la presenza di una o più masse mammarie; inoltre, è frequente il simultaneo coinvolgimento di entrambe le file mammarie.

Possono essere presenti gonfiore mammario, aree di necrosi o ulcerazioni cutanee. Tranne che nelle fasi avanzate della neoplasia, le condizioni generali di
solito non sono interessate. Nel gatto, la diagnosi differenziale comprende principalmente iperplasia mammaria, condizioni extramammarie come tumori mastocitari o lipomi, e tessuto adiposo. I tumori mammari benigni hanno conseguenze limitate, mentre nel 50-90% degli animali colpiti da tumori maligni si verificano metastasi, che si diffondono attraverso il sistema linfatico e per via venosa. A livello locale, è stato segnalato lo sviluppo di metastasi nei linfonodi ascellari e inguinali, nella fila mammaria controlaterale o nella cute. Metastasi a distanza possono svilupparsi all’interno della cavità toracica (80% dei casi) e sono state segnalate nel fegato, nella milza, nei reni, nelle ghiandole surrenali, nel cervello e nelle ossa.
La diffusione locale di solito si verifica prima della diffusione a distanza.

Valutare le metastasi

Non è possibile distinguere clinicamente i tumori mammari benigni da quelli maligni, per la diagnosi definitiva è fondamentale l’esame istopatologico del tessuto mammario dopo mastectomia. Nonostante la loro minor sensibilità, possono essere presi in considerazione altri esami complementari (ad esempio le analisi citologiche o l’elastografia). A causa dell’alta frequenza di tumori maligni nei gatti, si dovrebbe sempre valutare la diffusione metastatica: gli organi da esplorare sono i linfonodi drenanti e la cavità
toracica. Si consiglia la TC o la radiografia toracica nelle tre proiezioni. L’esame citologico dei linfonodi regionali è utile per rivelare l’infiltrazione metastatica
(sensibilità: 100%; specificità: 96%).

Nei gatti, i principali fattori prognostici per i carcinomi sono la dimensione del tumore, gli emboli linfovascolari, le metastasi locali o a distanza, lo stadio clinico, il tipo e grado istologico e la conta mitotica 3,4,10,11,13 (vedere tabella 1).
In quasi tutti i casi, la mastectomia è il primo passo del trattamento (vedere tabella 2). Quanto più precocemente il tumore viene dignosticato e trattato, tanto migliore sarà la prognosi. Nei gatti, l’escissione chirurgica dovrebbe includere l’intera fila mammaria interessata, e tutto il tessuto rimosso deve essere sottoposto ad analisi istopatologica. In caso di tumore mammario maligno invasivo, la chemioterapia può contribuire a limitare la diffusione delle metastasi e lo sviluppo di lesioni metastatiche. Nelle fasi avanzate della neoplasia, dovrebbero essere implementate misure palliative per migliorare il comfort dell’animale.

Anne Gogny*

* Dipl. ECAR

 

Per saperne di più

1. Alvinerie M. Etude des effets indésirables des médicaments vétérinaires à base d’acétate de mégestrol utilisés dans le traitement des dermatites miliaires chez le chat. Rapport d’expertise de pharmacovigilance relatif à l’avis de la Commission Nationale de Pharmacovigilance Vétérinaire CNPV - 02 del 06/12/2005, 2005:27.

2. Boulay MM. Carcinomes mammaires in situ félins : définition immunohistochimique, caractéristiques et pronostic.Thèse vétérinaire Nantes 2014:256p.

3. Dagher E, Abadie J, Loussouarn D, Campone M, Nguyen F. Feline Invasive Mammary Carcinomas: Prognostic Value of Histological Grading. Vet Pathol 2019;56(5):660-670.

4. Giménez F, Hecht S, Craig LE, Legendre AM. Early detection, aggressive therapy: optimizing the management of feline mammary masses. J Feline Med Surg 2010;12(3):214-24.

5. Gloaguen T. Epidémiologie descriptive des tumeurs dans l’espèce féline: étude rétrospective dans un laboratoire d’anatomie pathologique vétérinaire (2000-2007). Thèse vétérinaire Nantes, 2009:204p.

6. Hayes HM, Milne KL, Mandell CP. Epidemiological features of feline mammary carcinoma. Vet Rec 1981;108:476-479.

7. Ito T, Kadosawa T, Mochizuki M, Matsunaga S, Nishimura R, Sasaki N. Prognosis of malignant mammary tumours in 53 cats. J Vet Med Sci 1996;58:723-726.

8. Misdorp W, Romijn A, Hart AA. Feline mammary tumors: a case-control study of hormonal factors. Anticancer Res 1991;11(5):1793-7.

9. Misdorp W. Progestagens and mammary tumors in dogs and cats. Acta Endocrinol (Copenh) 1991;125(suppl 1):27-31.

10. Morris J. Mammary tumours in the cat: size matters, so early intervention saves lives. J Feline Med Surg 2013;15(5):391-400.

11. Nguyen F, Ibisch C, Loussouarn D, Bertrand L, Pohu M, Morio F, et al. Spontaneous prognosis and immunophenotype
of feline mammary carcinomas. World Veterinary Cancer Congress, Paris, France, 1-3 March 2012.

12. Overley B, Shofer FS Goldschmidt MH, Sherer D, Sorenmo KU. Association between ovariohysterectomy and feline mammary carcinoma. J Vet Intern Med 2005;19(4):560-563.

13. Zappulli V, Rasotto R, Caliari D, Mainenti M, Pena L,Goldschmidt MH, Kiupel M. Prognostic Evaluation of Feline Mammary Carcinomas: A Review of the Literature. Vet
Pathol 2015;52(1):46-60.

Tags :